La Germania

 Unificata nel 1871 e organizzata in impero a carattere federativo con a capo il kaiser, retta politicamente, nei primi 20 anni, da Otto von Bismarck che mira a presentare il nuovo impero come grande potenza industriale e militare.
Nel 1882 sigla, con Austria e Italia la Triplice alleanza, in funzione prevalentemente antifrancese (dato il conflitto non sanato con questo stato dopo la vittoria nella guerra franco-prusiana del 1870 che aveva comportato l'annessione  dell'Alsazia e della Lorena, strappate appunto alla Francia).
Nel 1888 sale al trono il kaiser Guglielmo II che sceglie di portare avanti una politica imperialista molto pi aggressiva e dirompente che propone la costruzione di una Grande Germania che possa egemonizzare l'intera Europa in diretta concorrenza con la Francia e con la Germania.
In particolare Guglielmo II ostacola le mire russe sui Balcani e aiuta in Giappone nella guerra russo-giapponese del 1905, si contrappone alla Francia nella conquista del Marocco (anche se poi la crisi rientra a il kaiser si accontenta della concessione di parte del Congo), punta alla costruzione di una grande flotta che possa contrapporsi al tradizionale controllo dei mari della Gran Bretagna.
In politica interna punta a favorire la crescita industriale, grazie ad un rigido protezionismo e a commesse statali nel campo degli armamenti che, in effetti, consentono alla Germania di superare, a livello produttivo, la stessa Inghilterra. Tuttavia perch il successo sia pieno servono alla Germania quei serbatoi di materie prime che le grandi potenze europee si sono assicurate con la corsa alle colonie, corsa dalla quale il Reich stato escluso proprio a causa della sua tarda unificazione.
la guerra sembra quindi a Guglielmo II una buona occasione sia per riequilibrare la potenza coloniale di Francia e Inghilterra, sia per affermare la Grande Germania come nuova potenza egemone a livello europeo; per tutti questi motivi assicurer all'Austria-Ungheria il suo appoggio, spingendola, di fatto, alla guerra.

PRINT ME