Bibliolab LABORATORIO DI LETTURA > i materiali didattici > sfogliando gli alberi > le poesie > pioppo morto

Pioppo morto - Federico Garcia Lorca

home

Le poesie


Vecchio pioppo!
Sei caduto
nello specchio
dello stagno addormentato,
piegando la fronte
al tramonto.
Non Ŕ stato il roco uragano
a spezzare il tuo tronco
nÚ la pesante ascia
del boscaiolo, che sa
che tu devi
rinascere.

E' stato il tuo spirito forte
a chiamare la morte
vedendosi senza nidi, dimenticato
dai pioppi bambini del prato.
Gli Ŕ che tu avevi
sete di pensiero,
e la tua enorme testa centenaria,
solitaria, ascoltava i canti
lontani dei tuoi fratelli.

Non sarai pi¨ la culla
della luna,
nÚ il magico riso
della brezza
nÚ il bastone di una stella
a cavallo.

Non tornerÓ la primavera
della tua vita, nÚ vedrai fiorire 
i seminati.

Sarai nido di rane
e di formiche.
Avrai per capelli le ortiche
e un giorno la corrente
porterÓ via la tua corteccia
tristemente.

Vecchio pioppo!
Sei caduto
nello specchio
dello stagno addormentato.
Ti ho visto cadere al crepuscolo
e scrivo la tua elegia
che Ŕ anche la mia.